Pronti con HTML5?

Oramai si può dire che HTML5 sarà il futuro: in rete si possono trovare già demo/esperimenti molto interessanti che sfruttano le nuove features che questo “linguaggio” ci mette a disposizione (in primis GMail che ha attivato il drag&drop degli allegati).
Ho trovato 2 link molto interessanti:

HTML5 Presentation
Un sito che presenta delle slide molto interessanti (con esempio) che spiegano le caratteristiche di HTML5.

HTML Readiness
Schema di compatibilità con i browser più recenti (Chrome è una bomba).

Dateci un occhiata!

10 cose che uno sviluppatore frontend dovrebbe sapere

Girovagando qua e la sono venuto a conoscenza dell’articolo intitolato “Top 10 best practices for front-end web developers” che racchiude 10 consigli che ogni sviluppatore dovrebbe seguire.

  1. Nel momento in cui chiudiamo un div, sarebbe opportuno scriverci un commento accanto che lo identifichi.
  2. Usare CSS Reset
  3. Non usare @import per caricare CSS perchè più lento del classico rel stylesheet
  4. Ottimizzare le immagini (Yahoo Smush.it)
  5. Dividere logicamente il Javascript dal HTML senza mixarli tra loro (stessa cosa per i CSS)
  6. Usare commenti condizionali per compatibilità con i browser (Microsoft) evitando l’uso di hacks
  7. Inserire i Javascript alla fine del documento HTML
  8. Usare HTML semanticamente
  9. Testare man mano ciò che scriviamo con i browser più importanti

Piccoli consigli che a seconda delle casistiche sono più o meno utili :)

Nuovi obblighi per le imprese che hanno un sito Web

La “Legge Comunitaria” introduce nuove norme alle imprese che hanno un sito Internet e queste includono:

  • La sede sociale, l’ufficio del registro delle imprese presso il quale la società è iscritta ed il numero di iscrizione;
  • Il capitale sociale, indicato secondo la somma effettivamente versata e quale risulta esistente dall’ultimo bilancio;
  • L’eventuale stato di liquidazione della società;
  • Se, in caso di SpA o di Srl, la società ha un socio unico (unipersonale).

Anche io come Ernesto Belisario invito tutti a non sottovalutare queste “regolette” perchè si sa: un giorno si svegliano, fanno la multa…e sò cazzi ;)

Non si è ancora capito dove inserire questi dati: c’è chi riesce a metterle nel footer, chi in un’apposita sezione del sito e chi invece fa un link ad una pagina “note legali”.

Tabelle e Div

Su Smashing Magazine c’è un articolo molto interessante (e lunghetto) in cui vengono discusse le differenze tra un layout a tabelle e div.
Ad una prima occhiata può essere visto banale, però vi assicuro che ci sono alcuni argomenti trattati in profondità e piuttosto “originali”.
A fine articolo viene spiegato in poche parole HTML 5 ed il posizionamento basato su tabelle tramite CSS (Table-based layout with CSS): probabilmente il miglior compromesso.

Il futuro promette bene, bisogna vedere quanto saranno bravi i var Browser (a far cosa? indovinate…).

Form semanticamente corretti

Quando dobbiamo creare un Form abbiamo a disposizione una moltitudine di metodi per realizzarlo.
Possiamo usare le tabelle, le liste oppure semplicemente i div (che conterranno i vari item che compongono il form).
Quale di queste strade è la più corretta?
A mio avviso, utilizzare le tabelle e le liste è errato mentre trovo più corretto l’utilizzo (controllato) dei div.
Mark Aplet, che fortunamente la pensa come me, ha creato una paginetta che dimostra come il layout grafico non debba incidere sulla scelta dei tag (semanticamente corretti) visto che con un po’ di CSS è possibile ottenere lo stesso risultato.

D’accordo?!? (cit. Vanna Marchi)

Internet Explorer 8 e l'accessibilità

In response to the increase in user interface (UI) complexity on the Web, the Web Accessibility Initiative World Wide Web link group has defined a roadmap for Accessible Rich Internet Applications (ARIA), which introduces ways for Web site authors to define how custom UI elements are accessed. ARIA accomplishes this by defining a set of HTML attributes that map back to common UI controls. As a result, users with disabilities can access Web sites with a rich interaction model. By exposing ARIA through the Microsoft Active Accessibility API in Internet Explorer 8, assistive technologies that already use Active Accessibility can also support ARIA easily.

The alt attribute is no longer displayed as the image tooltip when the browser is running in IE8 mode. Instead, the target of the longDesc attribute is used as the tooltip if present; otherwise, the title is displayed. The alt attribute is still used as the Active Accessibility name, and the title attribute is used as the fallback name only if alt is not present.

Pian piano Internet Explorer sta facendo progressi; apprezzabile no? Nel frattempo rimango fedele al mitico Firefox ;)